Fuorisede: Ecco i 7 pasti più consumati dagli studenti che vivono lontano da casa

Fuorisede: Ecco i 7 pasti più consumati dagli studenti che vivono lontano da casa

Il fuorisede non cucina, il fuorisede CREA. E’ un artista culinario per vocazione, oltre che per sopravvivenza. Diciamo pure che è il Jackson Pollock dei fornelli.

Sempre pronto a reinventarsi per mettere qualcosa di commestibile nello stomaco ed avere le energie necessarie allo studio.

D’altronde così recita una celeberrima poesia:

Si sta come
a cena
senza mangiare
i fuorisede

Scatta proprio così il Bear Grylls sepolto dentro ognuno di noi. Ed ecco che il fuorisede si fa selvaggio ed impara a sopravvivere, cucinando l’improbabile.

Qui vogliamo raccogliere alcuni fra i piatti più conosciuti e meno tossici da preparare/ acquistare per sopravvivere alla vita lontano da casa.

Buona fame.

I Panini

panino

I panini rappresentano per il fuorisede la soluzione ad ogni male.

Perché sporcare pentole, piatti e posate quando posso tranquillamente farmi un panino con “TuttoQuelloCheTrovoAlDiscount”?

Essi rappresentano l’efficienza della cucina fuorisede: minimo sforzo e massima resa. Ottimi anche per schimicare e riprendersi da una pessima giornata in università.

IndietroPagina 1 di 7Continua
Usa le frecce per continuare

Potrebbe interessarti anche..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.