Esame di Biochimica: Ecco 3 Consigli Per Passarlo

Esame di Biochimica: Ecco 3 Consigli Per Passarlo

L’esame di biochimica delinea un classico periodo della vita di uno studente in crisi: il trauma. Preparare questo esame può portare ad attacchi d’ansia, crisi di pianto e nervosismo alle stelle, non necessariamente in quest’ordine.

Quindi la domanda sorge spontanea, come si fa a superare questo esame senza impazzire?

Allora, mettiamo in chiaro una cosa. Non ci sono vie semplici. Non ci sono miracoli o metodi miracolosi, purtroppo. L’esame di biochimica è un inferno, che tu sia uno studente di Medicina, Biologia Farmacia, o di una qualsiasi altra facoltà scientifica.

C’è tantissimo da studiare e soprattutto è indispensabile avere una buona conoscenza del programma di chimica. Fatta questa dolorosa premessa possiamo procedere.

Vediamo i 3 consigli pratici che ti permetteranno di soffrire meno :)

Come studiare per l’esame di biochimica

1) Studia nel modo (e sul testo) giusto!

L’esame di biochimica è complesso, richiede uno studio approfondito di argomenti quali: reazioni metaboliche, processi, struttura delle molecole, metabolismo delle proteine.

Tutti simpatici amici da non sottovalutare.

Per studiarli hai bisogno di un buon libro. Ovviamente la maggior parte dei docenti ti consiglierà il Lehninger, l’allegro libro da oltre mille pagine. Se te lo stessi chiedendo, sì, dovresti averlo e studiarlo.

Fa giri di parole immensi ma è utilissimo. Ci trovi davvero tutti gli argomenti, è completissimo. Quindi procuratelo, per il tuo bene. Ovviamente cerca sempre l’ultima edizione disponibile.

Hai anche bisogno di appunti e dispense fatti bene. Affidabili.

Cercali da chi ha già superato l’esame oppure guarda online. In alternativa in rete c’è tantissimo materiale utile da cui attingere, ma ricorda di verificare sempre le fonti.

Anche le sbobine possono salvarti la vita. Vero è che molti professori a lezione ripetono spesso quello che c’è sul libro. Questo però non significa che non durante quei momenti non venga detto qualcosa che potrebbe tornarti utile per l’esame, anzi. Quindi NON sottovalutarle questo passaggio e cerca di seguire sempre le lezioni.

Ovviamente tutto ciò sottolineando sempre l’importanza di una solida base di chimica.

2) Dedicale all’esame di biochimica il giusto tempo

Questa materia richiede tempo. Tanto. Chi ti dice il contrario è un folle o vuole farti passare l’esame con un 18 e un calcio nel sedere.

Se miri a qualcosa di più devi darci dentro. La biochimica prima di ogni cosa va compresa in ogni suo aspetto. Per farlo devi fartela piacere, se la studierai come “costrizione” non andrai mai da nessuna parte, fidati.

Pianifica bene il tuo studio. Dividi gli argomenti per le settimane che ti dividono dall’esame e lascia sempre un tempo abbastanza lungo per ripetere come si deve. Se puoi preparala senza distrazioni, senza studiare anche altre materie. Non è facile, lo so, ma ti aiuterà a non andare in crisi.

3) Memorizza

Per memorizzare una quantità così elevata di informazioni è necessario ripetere. Ripetere tantissimo, ogni giorno. Non concederti pause perché poi sarai costretto a ricominciare dall’inizio, perdendo così tantissimo tempo. Scriviti tutte le reazioni imparate, scrivile ovunque, anche sulle mattonelle del bagno.

Non vorrai mica laurearti a sessant’anni, vero?

Bene, aiutati anche con la schematizzazione, per molti studenti è indispensabile. Fai schemi per ogni processo con tutte le sue fasi. Non è necessario scrivere ogni cosa, ti bastano parole chiave per ricordare i concetti. Può anche esserti utile usare colori diversi, in modo da avere una visione “meno grigia” delle cose. Fai buon uso anche delle tecniche mnemoniche, tornano sempre utili.

Ora tocca a te, metticela tutta, segui i consigli. E che le reazioni metaboliche siano con te. Amen!

Usa le frecce per continuare

Potrebbe interessarti anche..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *