10 Tecniche mnemoniche per superare i tuoi esami

10 Tecniche mnemoniche per superare i tuoi esami

Le tecniche mnemoniche hanno lo scopo di aiutarti a superare facilmente i tuoi esami con pochi sforzi ma efficaci. A volte ci troviamo a dover preparare esami davvero impossibili, con tantissimi CFU e tantissime pagine da studiare. La prima cosa che pensiamo in questi casi è: “Ma come cavolo farò a ricordare tutto durante l’esame???”.

Esistono però davvero tantissimi trucchetti che possono aiutarci nei momenti di maggiore sconforto e grazie ai quali possiamo sperare di vedere la luce in fondo al tunnel. Allora ecco una lista delle 10 tecniche mnemoniche migliori che ti aiuteranno a memorizzare concetti ed argomenti più facilmente.

Le 10 Tecniche mnemoniche per i tuoi esami

#1: Tecnica dei loci

Questa tecnica è utile per ricordare lunghi elenchi. La parola ‘loci’ significa ‘luoghi’ e serve per associare diverse immagini tra loro. Si utilizza memorizzando un itinerario ben conosciuto, in modo da visualizzarlo internamente in modo ben chiaro.  Puoi, ad esempio, utilizzare le stanze di casa tua, ed associare ogni stanza ad un concetto da ricordare. Percorrendo il percorso ti verranno in mente gli argomenti associati in successione.

Esempio:

Devi ricordare gli Stati appartenenti all’Unione Europea? Associa ogni Stato a un luogo specifico: puoi associare la Germania alla porta di casa tua, la Francia alla sala e così via.

#2: Metodo delle parole di velcro

Questa tecnica è utile per ricordare degli elenchi in un ordine prestabilito. Si tratta di associare i numeri ai concetti.

Esempio:

1- Cuore

2- Polmoni

3- Fegato

4- …..

Associando un valore numerico a un argomento specifico ti permetterà di individuare immediatamente i concetti chiave di quell’argomento. A questo puoi associare una mappa concettuale che puoi suddividere in numeri.

#3: Metodo delle immagini paradosso

Il nostro cervello è più sensibile alle informazioni grottesche, esagerate, strane. Questo accade perché il cervello deve essere molto rapido nel rispondere ad uno stimolo, e questa reazione deve essere riflessa, automatica. L’organizzazione in memoria delle informazioni avviene infatti per script. Il cervello umano è abituato a vedere certi stimoli in un contesto. Se il contesto cambia allora l’attenzione sarà maggiormente focalizzata su quella stranezza. Ad esempio: se entriamo in un poligono o in una armeria e vediamo una pistola su un tavolo non ci preoccupiamo. Se siamo al supermercato ci allarmiamo.

Il trucco è inserire quindi informazioni insolite nel nostro concetto, in modo da prestare maggior attenzione e memorizzarle.

Esempio: memorizzazione di una lista di parole:

-cappello

-rana

-spazzola

-formaggio

– rosso

-golf

Immagine paradosso: Una rana con un grosso cappello rosso che gioca a golf colpendo il formaggio con una spazzola.

Ti sentirai pazzo all’inizio, ma fidati che funziona!

#4: Nessi logici, parole chiave e storie

Se dobbiamo ricordarci un capitolo intero è importante che i paragrafi vengano ricordati per ordine logico. Il nostro cervello fatica a ricordare susseguirsi di eventi se la loro struttura è casuale. Il primo passo, anche se scontato, è capire quello che si sta leggendo. Il secondo passo è creare dei collegamenti causali anche quando non ci sono.

Come?

Utilizzando delle parole chiave. Questa tecnica si deve usare quando si sono memorizzati i concetti, per dare loro un ordine e non dimenticarsene nel discorso.

Partite dalla parola chiave del primo concetto e via via aggiungete le altre

Esempio:

La memoria

Tipi di memoria: working memory/ memoria a breve termine/memoria a lungo termine

  • Sottocategorie: Memoria semantica/visiva/verbale/uditiva…
  • Patologie della memoria: demenze/ traumi cranici/…
  • Tecniche riabilitative: mnemotecniche/supporti esterni/…

Viceversa possiamo creare un racconto/filastrocca i cui nessi logici ci permettono di ricordare i concetti:

Libro, bambino, aereo: Un bambino legge un libro su un aereo.

Basta solo entrare nel meccanismo.

#5: Categorie

Si utilizzano le categorie per ricordarsi gli elenchi di parole:

Esempio:

-cappello

-martello

-cacciavite

-gatto

-gonna

Attrezzi: martello, cacciavite

Vestiti: gonna, cappello

Animali: gatto

In questo modo potrai catalogare i concetti e memorizzarli più rapidamente.

#6: Iniziali

In questo caso usiamo le iniziali per rievocare le parole:

-Cacciavite, cappello

-Gonna, gatto

-martello

Facile, no?

#7: Rime

Ripetere in rima farà attivare le tue sinapsi e rendere meno noioso il tuo studio. Lo sforzo che devi impiegare per parlare in rima ti permetterà di ricordarti quello che stai pronunciando. Basta solo ricordarsi di non farlo all’esame per non sembrare un rapper che vuole fare un dissing al prof.

#8: Creare acronimi:

Questa tecnica è perfetta quando si ha a che fare con argomenti chiave, che si sviluppano per concetti singoli ma collegati tra loro.

Ad esempio:

Cuore, polmoni, intestino, pancreas: C.I.P.P.

#9: Creare acrostici:

Un acrostico si crea utilizzando la prima lettera della parola (del concetto) inserendola in un contesto inusuale. Quindi, la prima lettera della parola suggerisce la parola associata al concetto.

Ad esempio “Come quando fuori piove” per ricordare “cuori, quadri, fiori, picche”.

#10: Associazione di parole

Ad ogni parola se ne associa una seconda. Nella rievocazione la prima fungerà da suggerimento per la rievocazione della seconda. Meglio se la coppia di parola ha un legame semantico.

Esempio:

Casa-Letto

Alunno-Penna

Tappeto-Tavolo

Queste sono solo alcune delle tecniche mnemoniche che potete utilizzare per preparare i vostri esami. Se volete approfondire l’argomento, abbiamo preparato una lista dei migliori libri per migliorare la memoria.

Ma per preparare gli esami non bastano questi 10 trucchetti: ci vuole costanza e determinazione. La concentrazione è poi una caratteristica fondamentale che deve sempre accompagnare il nostro studio (qui trovi le migliori app che ti permetteranno di essere sempre concentrato e qui i timer per tenere lontano il tuo telefono).

Adesso torniamo sui libri che la sessione ci aspetta!

 

Usa le frecce per continuare

Potrebbe interessarti anche..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.